Fela Ransome-Kuti e Africa 70

Il funk ha avuto una forte influenza anche al di fuori degli Stati Uniti, influenzando complessi musicali da tutto il mondo e rendendo il funk un genere musicaledi fama internazionale.

In Africa, e in particolare in Nigeria, la fusione del funk con la musica tradizionale locale ha fondato un vero e proprio genere innovativo, denominato Afrobeat o Afro funk. Il merito per la creazione di questo nuovo genere è di Fela Ransome-Kuti, e il suo gruppo Africa 70. Essi iniziarono a suonare dal vivo all’inizio degli anni ’70 nel locale Africa Shrine, creato dallo stesso Fela Kuti. L’afro beat deriva dalla fusione della musica tradizionale Yoruba (la lingua ufficiale Nigeriana) e i ritmi tipici del funk, ricco di percussioni, voci e in particolare di strumenti a fiato. Fela Kuti, infatti, era principlamente un sassofonista, oltre ad essere un tastierista e cantante.

I testi di Fela sono in Yoruba e in inglese, con un forte accento creolo, accentuato intenzionalmente come forma di protesta anti-colonialista. Le parole e i messaggi sono carichi di proteste anticolonialiste e messaggi politici, accusavando fortemente anche la corruzione dei politici nigeriani e la violenza utilizzata dai militari nigeriani, come descrive nella sua canzone “Zombie”.

Ma Fela soprattutto accusava le multinazionali americane di essere la causa della povertà e del malessere del popolo nigeriano e degli africani in generale, come viene esposto nella canzone ITT, chiaramente riferendosi alla multinazionale Americana ITT Corporation, e storpiando l’acronimo scherzosamente in “International Thief Thief”, ladri internazionali.

Fela Kuti fondò con questi ideali una comunità denominata Kalakuta Republic, che dichiarò essere una Republica indipendente dalla Nigeria. Nel 1993 venne arrestato assieme ad altri elementi del complesso musicale con l’accusa di omicidio, probabilmente come reazione all’attivismo contro la corruzzione del militare nigeriano e del dittatore Sani Abacha. Fela morì nel 1996 dal sarcoma di Kaposi, una delle malattie provocate dall’AIDS.

Siti Scelti